• Rivista Scientifica ANVUR
  • . - Liv.
ISCRIVITI (leggi qui)
Pubbl. Ven, 30 Gen 2015

In arrivo le nuove misure cautelari per ridurre la popolazione carceraria

Modifica pagina

Giuseppe Ferlisi
Avvocato


Approvata una legge sulla custodia cautelare, con modifiche in materia di valutazione delle esigenze cautelari e di idoneità della misura restrittiva.


La Camera ha approvato la proposta di legge A.C. 631-C in tema di custodia cautelare, già approvata in prima lettura e poi modificata dal Senato.

Il ddl è finalizzato a far fronte al problema del sovraffollamento carcerario, andando a delimitare l'ambito di applicazione della custodia cautelare in carcere, con modifiche al codice di procedura penale.

Il primo ambito di modifica ha riguardato una serie di aggiornamenti in materia, tra cui:
1) la valutazione delle esigenze cautelari e dell'idoneità della specifica misura restrittiva, attraverso la limitazione della discrezionalità del giudice nella valutazione delle esigenze cautelari;
2) il requisito dell'attualità per il  pericolo di fuga e di reiterazione del reato;
3) la disposizione carceraria come misura coercitiva solo se le altre misure coercitive o interdittive risultino inadeguate;
4) l'eliminazione dell'automatismo del ricorso al carcere quando l'indagato violi gli arresti domiciliari.

Oltre a ciò, è stata rafforzata la previsione dell'obbligo di motivazione del giudice e aumentato da 2 a 12 mesi il termine massimo di efficacia delle misure interdittive e delle misure coercitive diverse dalla custodia cautelare.

Affinché tutto ciò sia legge, è necessaria l'approvazione delle modifiche al Senato - come da previsione costituzionale - attesa nelle prossime settimane.