• Rivista Scientifica ANVUR
  • . - Liv. (ris. W - H)

Come inviare un articolo

Modifica pagina

Come inviare un articolo alla Redazione

Cammino Diritto è una rivista giuridica open access: inviare un articolo da pubblicare è semplice e possono farlo sia giovani laureati in materie giuridiche che i professionisti del diritto. Al centro dei nostri interessi c'è solo la qualità e l'originalità dei contributi pubblicati, che vengono revisionati ed eventualmente sottoposti a valutazione scientifica anonima se ritenuti di particolare pregio.


Per inviare i tuoi articoli, segui i seguenti passi:

a) Se non sei ancora iscritto alla Rivista, iscriviti cliccando sul menù in alto a destra;

b) Appena avrai completato l'iscrizione, che puoi effettuare anche tramite i pulsanti social, nella tua anagrafica sarà presente un pulsante per l'attivazione come "Autore"; l'attivazione come Autore include l'accettazione del Regolamento e del Codice Etico della piattaforma e della Rivista.

c) Attivandoti come Autore/Autrice il sistema modificherà lo status del tuo account da utente semplice (Lettore) ad Autore.
Da questo momento, in base al settore disciplinare che indicherai per le tue bozze, ti sarà indicato il Componente del Comitato dei Revisori che prenderà in carico il tuo contributo una volta che deciderai di inviarlo.

Per domande o particolari esigenze durante la stesura della bozza, è possibile rivolgersi al proprio Revisore tramite il pulsante "Consegna l'articolo" > "Comunica con il Redattore" oppure alla Redazione tramite il tasto Assistenza nel menù in alto.

La Redazione > Inserisci un nuovo articolo

1) Da quest'ultimo pulsante sarà possibile cominciare una nuova bozza per il tuo nuovo articolo, modificare il suo contenuto composto da TITOLO, ABSTRACT ITALIANO (breve anteprima dell'articolo), ABSTRACT INGLESE (obbligatorio solo per gli articoli che aspirano ad essere classificati scientifici), CORPO e NOTE. Completato l'articolo è possibile inviarlo alla revisione tramite gli appositi pulsanti ("Consegna l'articolo" > "Invia l'articolo al Redattore").

2) Prima di inviare il tuo primo contributo in revisione, accertati di aver completato anche la tua biografia professionale: tutti gli Autori devono avere inserito la propria biografia breve e un'immagine personale, altrimenti l'articolo non sarà pubblicato.

L'argomento delle pubblicazioni può essere scelto tra quelli suggeriti dalla redazione nell'apposita pagina [Temi suggeriti per gli autori] oppure può essere inviato un elaborato scelto autonomamente dall'autore.


La Redazione non accetta articoli inviati per e-mail o in altre forme: l'unico modo per poter pubblicare un articolo su Cammino Diritto è seguire quanto indicato fino ad ora.
La Redazione si riserva in ogni caso la libertà di pubblicare o meno qualsiasi articolo sottoposto al suo vaglio.
Gli articoli consegnati saranno tutti sottoposti, senza eccezioni, alle procedure previste dal Regolamento e al Codice Etico.
Qualora gli articoli rimessi al Comitato Scientifico dovessero essere valutati negativamente, l'articolo potrà comunque essere pubblicato sul quotidiano di Cammino Diritto come articolo divulgativo.


INFORMAZIONI PER IL PERSONALE MILITARE

Anche gli appartenenti alle Forze Armate e all'Arma dei Carabinieri possono richiedere la pubblicazione di un loro contributo su Cammino Diritto, purché in possesso di laurea magistrale attinente alle materie trattate dalla rivista (tutti i rami di Giurisprudenza, Scienze Politiche, Scienze Strategiche o Economia).

Si rappresenta che, al solo fine della eventuale trascrizione matricolare della pubblicazione ottenuta, questa deve essere redatta e pubblicata come articolo scientifico (si veda, a tal proposito, i requisiti degli articoli scientifici della Rassegna di Cammino Diritto e l'art. 4, lett. c), punto 7 dell'elenco puntato della circolare n. M_D GMIL REG2015 0886809 in data 17 dicembre 2015). La pubblicazione come articolo scientifico avviene solo dopo la revisione a doppio cieco (articolo revisionato in forma anonima) da parte del Comitato Scientifico della Rivista, pertanto si raccomanda di prestare particolare attenzione ai requisiti minimi richiesti.


Come entrare nel Comitato dei Revisori di Cammino Diritto

Il compito di revisionare i contributi inviati a Cammino Diritto rappresenta uno dei più delicati incarichi all’interno della compagine della Redazione.

L’incarico di revisione, storicamente attribuito ai Componenti del Comitato dei Redattori (o Revisori) è affidato, su base volontaria, agli Autori che abbiano maturato sufficiente esperienza di pubblicazione su Cammino Diritto, con preferenza ai ricercatori, ai dottorandi e dottori di ricerca in materie giuridiche o economiche.

I Caporedattori vigilano sulla pedissequa osservanza, da parte dei Redattori, del Regolamento e del Codice Etico della Rivista.

Non vengono comunque considerate le candidature di chi non ha mai pubblicato articoli su Cammino Diritto.


Come entrare nel Comitato Scientifico di Cammino Diritto

Il Comitato Scientifico è l'organo della Rivista che attribuisce la scientificità agli articoli ricevuti, articoli che vengono poi pubblicati, oltre che sul portale online, anche sulla Rassegna mensile in formato pdf (rivista scientifica ANVUR).

Tali articoli sono riconoscibili dalla dicitura "Sottoposto a Peer Review" in testa all'articolo e dalla caratteristica banda rossa sopra al titolo, differentemente dagli articoli divulgativi del portale che vengono individuati da una banda verde.

I Professori universitari, italiani o stranieri, possono partecipare alle attività scientifiche della Rivista scrivendo a direzione@camminodiritto.it.

Non sono ammessi nel Comitato Scientifico gli studiosi che non abbiano acquisito il titolo di professore associato o ordinario. Eventuali deroghe a questo limite possono essere accordate dal direttore scientifico a favore di Alti Esperti appartenenti ad Istituzioni nazionali o Enti di ricerca (ad esempio, Consiglieri di Cassazione, Consiglieri TAR, Consiglieri della Corte dei Conti, appartenenti alla carriera direttiva ministeriale).


Tutti gli altri dettagli sono consultabili nel Regolamento e nel Codice Etico della Rivista.